Lo spread nel trading sui CFD

Il trading sui CFD è sempre più popolare tra i trader di tutto il mondo. Infatti, i CFD sono strumenti derivati che presentano una serie di enormi vantaggi.

Detto questo, va ricordato che i CFD non sono strumenti privi di costi.

In particolare, il costo principale a cui si va incontro quando si opera sui CFD è il cosiddetto “BID-ASK Spread”.

Lo spread è composto da 2 prezzi.

Il prezzo ASK che è il prezzo a cui puoi comprare un CFD. Ed un prezzo BID che è il prezzo a cui puoi vendere un CFD.

Il prezzo ASK è sempre maggiore del prezzo BID. Di conseguenza, appena si apre una posizione su un CFD si è subito in perdita di un valore pari allo spread.

Più lo spread è basso, dunque, meglio è per il trader.

Il rapporto tra perdita e guadagno potenziale nelle opzioni binarie

Le opzioni binarie fanno sempre molto parlare di loro. Alcuni le amano, altri le odiano.

Se è indubbio il fatto che le opzioni binarie siano degli strumenti derivati ottimo per fare trading, è anche vero che vanno usate con molta cautela.

Andando più nel dettaglio, le opzioni binarie vanno usate con cautela per il loro rapporto perdita/guadagno potenziale.

Infatti, tale rapporto è nettamente sbilanciato a favore della perdita (ahinoi).

Basta pensarci un attimo. Se si ha ragione sulla previsione di un’opzioni binaria, si guadagna circa il 70%-80% del capitale investito. Se invece si ha torto, però, si perde il 100% del capitale investito!

Insomma, le opzioni binarie hanno questo grande difetto: rendono poco. Quindi sono da utilizzare con cautela.